mon petit cheri 

Sweet Woman Luisa



E' proprio vero che il tempo vola ed è cosi che siamo arrivati già alla terza settimana di questo spazio dedicato alle Sweet Woman. Questa settimana portiamo alla ribalta Luisa donna di grande sensibilità e gusto estetico, ed una donna così cosa avrebbe potuto fare nella vita se non la stilista? Benvenuta Luisa, sono davvero impaziente di farti la mia prima domanda. Mi sono sento chiesta ...


Stilisti di moda si nasce o si divententa?


In realtà non c’è stato un momento preciso della mia vita in cui ho capito che questa sarebbe diventata la mia professione. Fin da bambina, il mio più’ grande passatempo era quello di disegnare e creare con tessuti, ago e filo abiti per le mie bambole. Da lì in poi, la mia vita è stata un percorso fatto di passi, esperienze, incontri che mi hanno portata nella giusta direzione per poter fare questo mestiere. Bellissimo, ma anche complesso, è un lavoro che coniuga esperienze e sensibilità’, con una profonda attenzione del mercato, dei linguaggi e dei consumatori sempre in costante evoluzione.


Allora credo proprio che dopo questa tuo risposta non ci siamo dubbi Luisa, stilisti di moda si nasce! Il mondo della moda e dell'eleganza ha una forte similitudine con il mondo dei profumi e quindi vorrei chiederti ...


Quando il primo profumo si è fatto largo nell tua vita?

L’ incontro con il mio primo profumo… non ricordo esattamente. Probabilmente nell’ adolescenza, il momento della trasformazione fisica e delle emozioni. il momento in cui iniziamo a relazionarci da adulti, la cura di noi stessi, del corpo, diventa importante per sentirci accettati ed apprezzati dagli altri. Il momento dei primi prodotti per il trucco, il momento in cui scegliamo gli abiti per apparire al meglio, il momento in cui scegliamo un profumo che ci rispecchia e ci identifica.


Potrà sembrare banale o forse scontato, ma il profumo che preferisco è stato sempre quello di mia madre. Ma parlado di profumi che amo sentire su me prediligo fragranze dalle note legnose, stimolano la mia memoria, ricordi ed emozioni legate all’infanzia, alla mia casa, alla mia famiglia.


Sai Luisa hai descritto in poche parole una delle armi più potenti che i profumi portano con se, la capacità di evocare memorie chiuse in un cassetto, fotogrammi della nostra vita che da sbiaditi in un attimo si accendono e ci avvolgono. I profumi riescono così ad incantarci, a stupirci ed incantarci come difronte ad un'opera d'arte di uno dei grandi maestri del '500.


E visto che siamo arrivati a parlare di arte sono curiosa di conoscere anche i tuoi gusti in ambito artistico ...


Qual è la tua opera d'arte preferita?



L’opera che preferisco è la “camera di Vincent ad Arles” di Vincent Van Gogh, perché racchiude in un unico spazio l’intimità’ di un uomo, tutto il suo mondo. Poche cose, l’essenziale, una piccola stanza dai colori sgargianti con tanti quadri alle pareti, un suo ritratto , una finestra socchiusa... che però riflette la luce.

Arles è un piccolo paese della Provenza, se chiudo gli occhi .. riesco quasi a sentire i profumi di quel territorio. Vorrei associare quest’opera d’arte a "Little Song” di Meo Fucini.

Voglio sfruttare la metafora della camera di Vincent ad Arles, per chiederti, ed invece fuori dalla stanza di Luisa che cosa c'è che ti aspetta ...



Quali sono i tuoi progetti futuri?


Le idee sono molte, la mia visione del futuro ha un unico desiderio, poter progettare con consapevolezza, dalla scelta dei materiali ,allo studio dei prodotti, alla tracciabilità per sensibilizzare nuove generazioni di consumatori al rispetto per se stessi, per gli altri e per l’ambiente.


Grazie Luisa è stato molto bello sentirti raccontare un pò di te, sei ufficialmente una Sweet Woman.

altri posts